Logo Case della Memoria
Saluzzo (CN) | "Matite di guerra, satira e propaganda in Europa (1914 – 1918)"
Castiglia, 19 dicembre 2015 al 6 gennaio 2016

Matite di GuerraSorridere sulle vicende della guerra più sanguinaria del XX Secolo si puó. Nonostante la censura, lo hanno fatto, dal 1914 al 1918, molti disegnatori satirici di tutta Europa, e gli stessi lavori sono ora visibili in una Mostra presso i Musei della Castiglia di Saluzzo dal 19 dicembre 2015 al 6 gennaio 2016, "Matite di Guerra, satira e propaganda in Europa (1914 – 1918)".

Curata dal vignettista Dino Aloi e promossa dal Consiglio regionale e dalla Consulta Europea, la mostra illustra giornali di trincea, disegni, libri, cartoline d’epoca e tavole originali realizzati da artisti e disegnatori di tutta Europa, pubblicati in Italia, Germania, Olanda, Francia e Spagna.Immagini che nel 1914-1918 dovevano contribuire ad alimentare l’acredine per il nemico, oggi ci aiutano a capire e a far capire l’insensatezza della guerra.

Con questa mostra il Consiglio regionale del Piemonte e la Consulta Europea hanno inteso dare seguito alle iniziative avviate in occasione del centenario del primo grande conflitto mondiale, con l'intento di alimentare, soprattutto tra i più giovani, la consapevolezza che da quell'immane tragedia ha preso le mosse la nuova Europa.

La mostra, ad ingresso libero, sarà aperta dal 19 dicembre fino al 6 gennaio con i seguenti orari:mercoledi e giovedi dalle 14,30 alle 17, venerdi, sabato e domenica dalle 10.30 alle 12.30 e dalle 14,30 alle 17.00.L'ingresso è a pagamento invece alle collezioni della Castiglia e alla mostra di arte contemporanea cinese 'Cultural Context' (euro 7 intero, euro 3,50 ridotto).

Per informazioni: Ufficio Turismo IAT, in Piazza Risorgimento, 1 – 12037 Saluzzo (Cn) telefonando al numero verde 800392789 o inviando un'email a: Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.
Firenze | In Trincea. Gli scrittori alla Grande Guerra
Alla Fondazione Primo Conti un convegno internazionale

InTrinceaConvegno internazionale di studi
Firenze 22, 23, 24 ottobre 2015


Promosso da:
Centro di Studi «Aldo Palazzeschi» dell’Università di Firenze

con la collaborazione di:
Fondazione Primo Conti. Centro di documentazione e ricerche sulle avanguardie storiche, Gabinetto «G.P. Vieusseux»

Con il patrocinio di:
Comune di Firenze, Regione Toscana, Adi Associazione degli Italianisti

Comitato direttivo:
Marino Biondi, Simone Magherini, Gloria Manghetti, Anna Nozzoli, Gino Tellini





PROGRAMMA

Giovedì 22 ottobre, Palazzo Medici Riccardi, Sala Luca Giordano, via Cavour, 1

ore 9,00
Presiede Gino Tellini

Saluti
Dario Nardella, Sindaco di Firenze

Alberto Tesi, Rettore dell’Università di Firenze
Eugenio Giani, Presidente del Consiglio Regionale della Toscana
Guido Baldassarri, Presidente dell’Associazione degli Italianisti

ore 10,00
Mario Isnenghi, (Università di Venezia)

Evocatori ed araldi della guerra farmaco
Giuseppe Langella, (Università Cattolica di Milano)

Il mito in trincea. La grande guerra e l’ideologia risorgimentale

ore 11,00 pausa

ore 11,30
Marino Biondi, (Università di Firenze)

Narrazioni della Grande Guerra. La letteratura come fonte storica
Annamaria Andreoli, (Università della Basilicata)

D’Annunzio, la guerra e l’Europa mediterranea

Gabinetto «G.P. Vieusseux», Sala Ferri
ore 15,00
Presiede Gloria Manghetti

Fabrizio Rasera, (Accademia Roveretana degli Agiati)
Cesare Battisti e l’oratoria interventista
Fulvio Senardi, (Istituto Giuliano di Storia, Cultura e Documentazione di Gorizia e Trieste)

L’interventismo e la guerra degli irredenti
Marc Föcking, (Università di Amburgo)

Piero Jahier, «Wir müssen» e l’ultimo numero di «Lacerba»
Franco Contorbia, (Università di Genova)

Sul «Diario di trincea» di Renato Serra
Pasquale Guaragnella, (Università di Bari)

Al limite della umana condizione. Giuseppe Ungaretti e la Grande Guerra

ore 17,30 pausa

ore 18,00 Letture teatrali di Lorenzo Degl’Innocenti

Venerdì 23 ottobre, Auditorium Ente Cassa di Risparmio di Firenze
, via Folco Portinari, 5

ore 9,00
Presiede Anna Nozzoli

Paolo Valesio, (Columbia University)
Marinetti e le immagini della Grande Guerra
Luigi Martellini, (Università della Tuscia)

Malaparte. Le due Italie: la verità, la menzogna (ovvero «La rivolta dei santi maledetti»)
Simone Magherini, (Università di Firenze)

«Cacciati nel buio»: Clemente Rebora in trincea
Gloria Manghetti, (Gabinetto «G.P. Vieusseux»)

Ricordare Caporetto: Carlo Betocchi al fronte

ore 11,00 pausa
ore 11,30

Winfried Wehle, (Università di Eichstätt)

L’arte in guerra con se stessa. L’esempio di Ardengo Soffici
Gian Paolo Marchi, (Università di Verona)

«Il figlio di Marte»: poesie di guerra di Lorenzo Montano dedicate a Luigi Russo

Auditorium Ente Cassa di Risparmio di Firenze
, via Folco Portinari, 5


ore 15,00 Presiede Pasquale Guaragnella
Giovanna Scianatico, (Università di Bari)
Lettere dal fronte di Massimo Bontempelli
Gino Tellini, (Università di Firenze)

Nelle retrovie e in prima linea: Palazzeschi e Gadda
Michael Schwarze, (Università di Costanza)

Jünger e Gadda: i diari di guerra
Giulia Fanfani, (Università di San Gallo)

I due Gadda alla guerra
Alice Flemrova, (Università di Praga)

Mondo delle retrovie. Buoni soldati che non combattono

ore 17,30 pausa
ore 18,00
Letture teatrali di Lorenzo Degl’Innocenti


Sabato 24 ottobre, Aula Magna del Polo Didattico
, via Laura, 48

ore 9,00
Presiede Marino Biondi

Anna Nozzoli, (Università di Firenze)
La guerra rimossa di Eugenio Montale
Joanna Szymanowska, (Università di Varsavia)

L’esperienza della guerra in Soffici e Savinio (1916-1919)
Giovanni Capecchi, (Università per Stranieri di Perugia)

Fronte esterno, fronte interno e fronte interiore: i diari di guerra di Valentino Coda, Giuseppe Personeni, Ardengo Soffici e Arturo Stanghellini

ore 10,30 pausa

ore 11,00
Elizabeth Leake, (Columbia University)

Dalle trincee al testo. Appunti su Emilio Lussu
Pasquale Sabbatino, (Università di Napoli Federico II)

«Uomini contro»: dal libro al film

ore 12,00 Proiezione del film d’archivio Fotogrammi dalla Grande Guerra, a cura di Gianmarco D’Agostino (regista) e Alessandro Anichini (montatore)

Conclusione dei lavori

Info: www.fondazioneprimoconti.org

Faenza (RA) | "Bendandi e la Grande Guerra"
Inaugurazione della mostra il prossimo 7 novembre

Bendandi e la GG
A Cesena e Faenza “Memoria d’Autore” per la Prima Guerra Mondiale
Nelle Case della Memoria un programma di appuntamenti in occasione del centenario del conflitto

Tanti eventi in arrivo, tra Cesena e Faenza (Ra), per ricordare la Grande Guerra attraverso le memorie dei grandi personaggi. Le Case della Memoria aprono infatti le porte a un nuovo programma di appuntamenti pensati, questa volta, in occasione del centenario della Grande Guerra. Si chiama “Memoria d’Autore per la Prima Guerra Mondiale” il progetto che l’Associazione Nazionale Case della Memoria (la rete delle abitazioni di alcuni dei più importanti personaggi della cultura italiana) dedica al primo conflitto mondiale, che in Italia ha avuto inizio cento anni fa, ma anche, più in generale, al tema della guerra e delle guerre nel mondo.

“Memoria d’Autore” va ad aggiungersi alle tante iniziative organizzate dall’Associazione Nazionale Case della Memoria, a partire dalla prossima partecipazione ad Expo, fino al calendario semestrale di eventi “A tavola con i grandi” che permette di scoprire i grandi protagonisti della storia e della cultura del nostro Paese attraverso la cucina e il gusto. “Organizzare calendari collettivi di eventi e fare rete – hanno spiegato il presidente e il vicepresidente dell’Associazione, rispettivamente Adriano Rigoli e Marco Capaccioli – significa creare un circuito virtuoso in grado di far conoscere e apprezzare meglio, e in un’ottica più ampia, il valore delle Case della Memoria e ciò che esse rappresentano”.

Sono numerosi gli appuntamenti nelle Case della memoria italiane, tra Vicchio (Fi), Pistoia e, appunto, Cesena e Faenza dove, negli spazi della Casa Bendandi – osservatorio sismologico (via Manara 17, Faenza) si terrà, sabato 7 novembre (ore 18) l’inaugurazione della mostra “Raffaele Bendandi, il 900 e la grande guerra”, esposizione che raccoglie documenti, giornali, oggetti che evocano un passato di guerra. Interverranno lo storico Enzo Casadio e la presidente della Casa museo Bendandi, Paola Pescerelli Lagorio (info: www.osservatoriobendandi.it). Ma il calendario di appuntamenti più nutrito è quello di Cesena che si estende fino alla fine dell’anno.

Già in corso, con tanti eventi fino a dicembre 2015, “Renato Serra e la Grande Guerra”. A cento anni dalla sua morte, avvenuta sul Podgora il 20 luglio 1915, Cesena rende omaggio alla memoria di uno dei suoi figli più illustri, il critico letterario Renato Serra, con un ricco programma di iniziative che si protrarrà nei prossimi mesi. Il calendario prevede numerosi appuntamenti, promossi dall’assessorato alla Cultura del Comune di Cesena con il coinvolgimento delle maggiori istituzioni culturali cesenati: Biblioteca Malatestiana, Teatro Bonci, Ert, Centro Cinema San Biagio, Conservatorio Maderna. Il programma spazia dalle conferenze alla presentazione di libri, dalla musica al teatro, dalle mostre al cinema, visite e itinerari cittadini sul filo della memoria, alla ricerca dei ricordi serriani e della Cesena di un secolo fa. 

Lunedì 6 luglio (ore 21.45), in piazza Amendola per la rassegna “Cinema al fronte: la Grande Guerra”, che proseguirà nei mesi successivi, ecco la proiezione di “La grande guerra” di Mario Monicelli (It. 1959, bn, 129') con Vittorio Gassman, Alberto Sordi, Silvana Mangano. Lunedì 13 luglio (ore 21.15), in piazza Amendola sarà la volta di "Carissimi Padri, Almanavvhi della Grande Guerra (1900-1915)" sugli albori del cinema all’ombra del grande conflitto a cura di Claudio Longhi. A seguire (ore 21.45) la proiezione di “Orizzonti di gloria” di Stanley Kubrick (Usa 1957, bn, 87’). Venerdì 17 luglio (ore 20.30) si potrà partecipare alla camminata letteraria nella Cesena di Renato Serra con tre soste di lettura per ascoltare pagine di Filippo Tommaso Marinetti e i Futuristi (partenza dal Giardino Pubblico). Sabato 18 luglio (ore 21, Chiostro di San Francesco) "Carissimi Padri, Almanavvhi della Grande Guerra (1900-1915)" mise en espace (in caso di maltempo Palazzo del Ridotto) dedicata agli intellettuali dell’Europa del tempo.

Lunedì 20 luglio (ore 21, Chiostro di San Francesco) sarà la volta di “Una coscienza in guerra. Renato Serra 1915”, narrazione per voci, musiche e suoni, affidata alla regia di Maurizio Mastrandrea e Monica Briganti, con Lorenzo Pieri, Monica Briganti, Maurizio Mastrandrea e Alessandro Pieri. In programma, musiche per violoncello e pianoforte eseguite da Giorgio Borghi e Antonio Salerno (in caso di maltempo l’appuntamento si svolgerà nel Palazzo del Ridotto). Nella stessa data, ma in piazza Amendola (ore 21.45) per “Cinema al fronte: la Grande Guerra”, ecco la proiezione di “Addio alle armi” di Frank Borzage (Usa 1931, bn, 78’), con Gary Cooper, Helen Hayes, Mary Philips.
Sabato 25 luglio (ore 21) il Chiostro di San Francesco ospiterà “Renato Serra. Il letterato e l’apocalisse” oratorio laico di Paolo Turroni, per la regia di Corrado Bertoni con Elena Baredi, Sabrina Guidi, Daniela Montanari, Iuri Monti e Alessandro Pieri (in caso di maltempo Palazzo del Ridotto). Lunedì 27 luglio (ore 21.45, piazza Amendola), per “Cinema al fronte: la Grande Guerra” si terrà la proiezione di “Il barone rosso” di Roger Corman (Usa 1971, col, 97'), con John Philip Law, Don Stroub, Barry Primus.


Ad agosto, il programma prenderà il via lunedì 3 (ore 21.30, piazza Amendola) con la proiezione di “Una lunga domenica di passioni” di Jean-Pierre Jeunet (Fr-Usa 2004, col, 134’), con Audrey Tatou, André Dussolier, Marion Cotillard. Lunedì 10 agosto (ore 21.30, Arena San Biagio) sarà invece la volta del film “Torneranno i prati” di Ermanno Olmi (It. 2014, col, 80’), con Claudio Santamaria, Alessandro Sperduti, Camillo Grassi.

A settembre, venerdì 11 (ore 20.30) ancora una Camminata letteraria nella Cesena di Renato Serra con tre soste di lettura per ascoltare pagine di Matilde Serao, Ada Negri, Edith Wharton (partenza dal Giardino Pubblico), mentre venerdì 25 (ore 10) Villa Silvia – Carducci ospiterà “Renato Serra: un lettore di provincia e la coscienza inquieta del letterato tra Italia ed Europa” a cura di Gianmario Anselmi.

Sabato 3 ottobre (ore 17, Biblioteca Malatestiana) verrà inaugurata la mostra fotografica “Caduti cesenati nella Grande Guerra” a cura di Gessica Boni, Paola Errani e Carla Rosetti, con interventi pittorici di Matteo Bosi.
Sabato 10 ottobre (ore 17, Galleria Comunale d'Arte) aprirà invece l’esposizione “Il lettore di provincia”: tavole, illustrazioni e bozzetti di Giorgio Carta dalla graphic novel su Renato Serra a cura di Giovanni Barbieri, Elisa Rocchi, Marco Turci e Paolo Zanfini. La mostra proseguirà fino al 25 ottobre in Galleria Comunale d’Arte, poi in Biblioteca Malatestiana dal 27 ottobre all’8 novembre 2015.


Sabato 17 ottobre (ore 10), al Teatro Bonci, verrà presentata l’edizione critica di “Esame di coscienza di un letterato” di Renato Serra a cura di Marino Biondi e Roberto Greggi (Roma, Edizioni di storia e letteratura, 2015), con lectio magistralis di Marino Biondi. Sabato 17 e 24 (ore 15), oltre che domenica 18 e 25 ottobre (ore 9.30, Biblioteca Malatestiana) si terrà il LXVI Convegno di Studi Romagnoli dedicato a Renato Serra, Augusto Campana e Malatesta Novello. Nella stessa data (ore 21, Teatro Bonci) appuntamento con “Abschied”, concerto dell’Ensemble da camera del Conservatorio Maderna di Cesena, con musiche, proiezioni e letture. Sabato 24 ottobre (ore 21, sempre al Teatro Bonci) ecco “Carissimi Padri, Almanacchi della Grande Pace (1900-1915)”, atelier a cura di Claudio Longhi
Martedì 27 ottobre (ore 17, Biblioteca Malatestiana), nell’ambito della mostra “Il lettore di provincia” proiezione del mediometraggio “Esame di coscienza di un letterato” di Corrado Bertoni (It., 1984, col, 40’), con Dido Maccagni, Norberto Midani, Achille Cattani.


Sabato 28 novembre (ore 17, Biblioteca Malatestiana), presentazione del volume “IX de Le vite dei Cesenati”, dedicato al centenario della Grande Guerra a cura di Pier Giovanni Fabbri e Alberto Gagliardo (Cesena, Stampare, 2015). Mercoledì 2 dicembre (ore 21, aperto alla cittadinanza) e giovedì 3 (ore 10 riservato alle scuole), in entrambi i casi al Teatro Verdi ecco “Renato Serra il letterato in trincea”, letture con Michele Di Giacomo e Martino Reggini.
Sabato 5 dicembre (ore 17, Biblioteca Malatestiana) verrà presentato il libro “Carlo Bersani, tra Serra e i movimenti musicali contemporanei” di Mauro Casadei Turroni Monti (Quaderni del Teatro Bonci, 15). Nella stessa data (ore 15.00 - 17.30) visite guidate a Casa Serra a cura degli studenti dell’ITC Renato Serra di Cesena fino al 20 dicembre 2015. Info: 0547.35 63 27; Pagina Facebook Centenario Serra.


Memoria d’Autore per la Prima Guerra Mondiale
Nelle Case della Memoria un programma di appuntamenti in occasione del centenario della Grande Guerra

Le Case della Memoria aprono le porte a un nuovo programma di appuntamenti pensati, questa volta, in occasione del centenario della Grande Guerra. Si chiama “Memoria d’Autore per la Prima Guerra Mondiale”, il progetto che l’Associazione Nazionale Case della Memoria (la rete delle abitazioni di alcuni dei più importanti personaggi della cultura italiana), dedica al primo conflitto mondiale, che in Italia ha avuto inizio cento anni fa ma anche, più in generale, al tema della guerra e delle guerre nel mondo. Sono numerosi gli appuntamenti nelle Case della memoria italiane, tra Vicchio, Cesena e Pistoia. La Fondazione Montanelli Bassi di Fucecchio ha invece promosso, tra febbraio e marzo, il ciclo di incontri “La Toscana nella grande guerra”, dedicato ai riflessi che la grande guerra ebbe nella nostra regione.
“Memoria d’Autore” va ad aggiungersi alle tante iniziative organizzate dall’Associazione Nazionale Case della Memoria, a partire dalla prossima partecipazione ad Expo, fino al calendario semestrale di eventi “A tavola con i grandi” che permette di scoprire i grandi protagonisti della storia e della cultura del nostro Paese attraverso la cucina e il gusto. “Organizzare calendari collettivi di eventi e fare rete – hanno spiegato il presidente e il vicepresidente dell’Associazione, rispettivamente Adriano Rigoli e Marco Capaccioli – significa creare un circuito virtuoso in grado di far conoscere e apprezzare meglio, e in un’ottica più ampia, il valore delle Case della Memoria e ciò che esse rappresentano”.

Associazione Nazionale Case della Memoria
L’associazione nazionale Case della Memoria è l’unica rete museale di case museo di personaggi illustri a livello nazionale e partecipa alla Conferenza Permanente delle Associazioni Museali Italiane di ICOM Italia. È composta da 48 case museo in Piemonte, Veneto, Emilia Romagna, Toscana, Umbria, Marche, Lazio, Sicilia e Sardegna, mettendo in rete le abitazioni in cui hanno vissuto Dante Alighieri, Giotto, Francesco Petrarca, Giovanni Boccaccio, Francesco Datini, Leonardo da Vinci, Niccolò Machiavelli, Francesco Cavassa e Emanuele Tapparelli D’Azeglio, Agnolo Firenzuola, Pontormo, Benvenuto Cellini, Filippo Sassetti, Lorenzo Bartolini, Silvio Pellico, John Keats e Percy Bysshe Shelley, Francesco Guerrazzi, Giuseppe Verdi, Elizabeth Barrett e Robert Browning, Pellegrino Artusi, Corrado Arezzo de Spuches e Gaetano Combes de Lestrade, Giosuè Carducci, Sidney Sonnino, Giovanni Pascoli, Giacomo Puccini, Ferruccio Busoni, Maria Montessori, Enrico Caruso, Renato Serra, Giorgio de Chirico, Antonio Gramsci, Raffaele Bendandi, Piero Bargellini, Enzo Ferrari, Primo Conti, Leonetto Tintori, Indro Montanelli, Italo Zetti, Ivan Bruschi, Ilario Fioravanti, Goffredo Parise, Barbara Marini Clarelli e Francesco Santi, Loris Jacopo Bononi, Giorgio Morandi, Sigfrido Bartolini. Info: www.casedellamemoria.it

• Vicchio (FI) | Casa di Benvenuto Cellini
Corso del popolo
Tel. 055.8439269
www.comune.vicchio.fi.it
Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.
Fino al 14 giugno
Mostra Storico/Fotografica e di Reperti della Grande Guerra (1915-1918)
Ideata per la memoria di Giuseppe Gramigni, giovane del’99 caduto sul Montello all’età di 18 anni, e per ricordare tutte le vittime di una delle più atroci e sanguinose guerre del XX secolo. In particolare, quest’anno ricorre il centenario dall’entrata in guerra dell’Italia (24 maggio 1915) quando intere generazioni di uomini partirono per essere inghiottite nel vortice funesto della Grande Guerra. Un dramma che ferì e cambiò profondamente l’Europa.
Le fotografie, italiane e austro-ungariche, esposte in questa mostra ritraggono diversi settori del Fronte Italo-Austriaco, dai ghiacci dell’Ortles alle pietraie del Carso. Il percorso fotografico è accompagnato anche da diversi cimeli (italiani e austriaci), molti dei quali rinvenuti in Trentino e sulle Alpi Giulie. Inoltre, sarà possibile leggere il diario inedito di un ragazzo Fiorentino, scritto nell’ottobre del 1915.
Aperta ogni sabato e domenica fino al 14 giugno (o su prenotazione) in orario 10-12.30 e 16-19.

• CESENA | varie sedi
Fino a dicembre 2015
“Renato Serra e la Grande Guerra”
A cento anni dalla sua morte, avvenuta sul Podgora il 20 luglio 1915, Cesena rende omaggio alla memoria di uno dei suoi figli più illustri, il critico letterario Renato Serra con un ricco programma di iniziative che si protrarrà fino a dicembre 2015. Il calendario prevede numerosi appuntamenti, promossi dall’assessorato alla Cultura del Comune di Cesena con il coinvolgimento delle maggiori istituzioni culturali cesenati: Biblioteca Malatestiana, Teatro Bonci, Ert, Centro Cinema San Biagio, Conservatorio Maderna. Il programma spazia dalle conferenze alla presentazione di libri, dalla musica al teatro, dalle mostre al cinema, visite e itinerari cittadini sul filo della memoria, alla ricerca dei ricordi serriani e della Cesena di un secolo fa. 
Venerdì 12 giugno, ore 20.30 - dal Giardino Pubblico
Camminata letteraria nella Cesena di Renato Serra con tre soste di lettura per ascoltare pagine di Jaroslav Hašek.

Lunedì 6 luglio, ore 21.45 - Piazza Amendola
Cinema al fronte: la Grande Guerra
Proiezione di “La grande guerra” di Mario Monicelli (It. 1959, bn, 129') con Vittorio Gassman, Alberto Sordi, Silvana Mangano

Lunedì 13 luglio, ore 21.15 - Piazza Amendola
Orizzonti di Guerra! Gli albori del cinema all’ombra del grande conflitto a cura di Claudio Longhi

a seguire, ore 21.45
Cinema al fronte: la Grande Guerra

Proiezione di “Orizzonti di gloria” di Stanley Kubrick (Usa 1957, bn, 87’)

Venerdì 17 luglio, ore 20.30 - dal Giardino Pubblico
Camminata letterarianella Cesena di Renato Serra con tre soste di lettura per ascoltare pagine di Filippo Tommaso Marinetti e i Futuristi
Sabato 18 luglio, ore 21 - Chiostro di San Francesco
Carissimi Padri, Almanacchi della “Grande Pace” (1900-1915)
Viaggio verso l’abisso. Gli intellettuali dell’Europa al tramonto
Mise en espace (in caso di maltempo Palazzo del Ridotto)

Lunedì 20 luglio, ore 21 - Chiostro di San Francesco
Una coscienza in guerra. Renato Serra 1915
Narrazione per voci, musiche e suoni
regia Maurizio Mastrandrea e Monica Briganti, con Lorenzo Pieri, Monica Briganti, Maurizio Mastrandrea, Alessandro Pieri con musiche per violoncello e pianoforte eseguite da Giorgio Borghi e Antonio Salerno (in caso di maltempo l’appuntamento si svolgerà nel Palazzo del Ridotto)

Piazza Amendola, ore 21.45
Cinema al fronte: la Grande Guerra
Proiezione di “Addio alle armi” di Frank Borzage (Usa 1931, bn, 78'), con Gary Cooper, Helen Hayes, Mary Philips

Sabato 25 luglio, ore 21- Chiostro di San Francesco
Renato Serra. Il letterato e l’apocalisse
Oratorio laico di Paolo Turroni, regia di Corrado Bertoni con Elena Baredi, Sabrina Guidi, Daniela Montanari, Iuri Monti, Alessandro Pieri (in caso di maltempo Palazzo del Ridotto)

Lunedì 27 luglio, ore 21.45 - Piazza Amendola
Cinema al fronte: la Grande Guerra
Proiezione di “Il barone rosso” di Roger Corman (Usa 1971, col, 97'), con John Philip Law, Don Stroub, Barry Primus

Lunedì 3 agosto, ore 21.30 - Piazza Amendola
Cinema al fronte: la Grande Guerra
Proiezione di “Una lunga domenica di passioni” di Jean-Pierre Jeunet (Fr-Usa 2004, col, 134’), con Audrey Tatou, André Dussolier, Marion Cotillard

Lunedì 10 agosto, ore 21.30 * - Arena San Biagio
Cinema al fronte: la Grande Guerra
Proiezione di “Torneranno i prati” di Ermanno Olmi (It. 2014, col, 80'), con Claudio Santamaria, Alessandro Sperduti, Camillo Grassi

Venerdì 11 settembre, ore 20.30 - dal Giardino Pubblico
Camminata letterarianella Cesena di Renato Serracon tre soste di lettura per ascoltare pagine di Matilde Serao, Ada Negri, Edith Wharton
Venerdì 25 settembre, ore 10 - Villa Silvia - Carducci
Renato Serra: un lettore di provincia e la coscienza inquieta del letterato tra Italia ed Europa a cura di Gianmario Anselmi

Sabato 3 ottobre, ore 17 - Biblioteca Malatestiana
Inaugurazione della mostra fotografica
“Caduti cesenati nella Grande Guerra” a cura di Gessica Boni, Paola Errani e Carla Rosetti
Fanti di memoria, interventi pittorici di Matteo Bosi

Sabato 10 ottobre, ore 17 - Galleria Comunale d'Arte
Inaugurazione della mostra
“Il lettore di provincia”: tavole, illustrazioni e bozzetti di Giorgio Carta dalla graphic novel su Renato Serra a cura di Giovanni Barbieri, Elisa Rocchi, Marco Turci, Paolo Zanfini
La mostra prosegue fino al 25 ottobre in Galleria Comunale d’Arte, poi in Biblioteca Malatestiana dal 27 ottobre all’8 novembre 2015

Sabato 17 ottobre, ore 10- Teatro "A. Bonci"
Presentazione dell'edizione critica di
“Esame di coscienza di un letterato” di Renato Serra a cura di Marino Biondi e Roberto Greggi, Roma, Edizioni di storia e letteratura, 2015. Lectio magistralis di Marino Biondi

Sabato 17 ottobre, ore 15
Domenica 18 ottobre, ore 9.30 - Biblioteca Malatestiana
LXVI Convegno di Studi Romagnoli
Dedicato a Renato Serra, Augusto Campana e Malatesta Novello

Domenica 18 ottobre, ore 21 *- Teatro "A. Bonci"
“Abschied”
Concerto dell’Ensemble da camera del Conservatorio “B. Maderna” di Cesena.
Musiche, proiezioni e letture

Sabato 24 ottobre, ore 15
Domenica 25 ottobre, ore 9.30- Biblioteca Malatestiana
LXVI Convegno di Studi Romagnoli
Dedicato a Renato Serra, Augusto Campana e Malatesta Novello

Sabato 24 ottobre, ore 21- Teatro "A. Bonci"
Carissimi Padri, Almanacchi della "Grande Pace" (1900-1915)
Il gran valzer dei sonnambuli. Per un esame di (in)coscienza del mondo di ieri. Atelier a cura di Claudio Longhi

Martedì 27 ottobre, ore 17 - Biblioteca Malatestiana
Nell'ambito della mostra “Il lettore di provincia” proiezione del mediometraggio
“Esame di coscienza di un letterato” di Corrado Bertoni (It., 1984, col, 40’), con Dido Maccagni, Norberto Midani, Achille Cattani

Sabato 28 novembre, ore 17 - Biblioteca Malatestiana
Presentazione del volume
IX de Le vite dei Cesenati”, dedicato al centenario della Grande Guerra a cura di Pier Giovanni Fabbri e Alberto Gagliardo, Cesena, Stampare, 2015

Mercoledì 2 dicembre, ore 21, aperto alla cittadinanza
Giovedì 3 dicembre, 10 riservato alle scuole -  Teatro Verdi
“Renato Serra il letterato in trincea”
Letture con Michele Di Giacomo e Martino Reggini

Sabato 5 dicembre, ore 17 - Biblioteca Malatestiana
Presentazione del libro
Carlo Bersani, tra Serra e i movimenti musicali contemporanei di Mauro Casadei Turroni Monti
(Quaderni del Teatro Bonci, 15)

Sabato 5 dicembre, ore 15.00 - 17.30 - Casa Serra
Visite guidate a cura degli studenti dell'ITC Renato Serra di Cesena fino al 20 dicembre 2015
Info: 0547.35 63 27; Pagina Facebook Centenario Serra

 
• PISTOIA | Casa Museo Sigfrido Bartolini
Associazione Centro Studi Sigfrido Bartolini, via di Bigiano 5
Tel. +39 0573 451311 | mob. +39 328 8563276
Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo. | www.sigfridobartolini.it
1 settembre – 31 ottobre 2015
Il cibo nella Prima Guerra Mondiale
Esposizione e documentazione
Cibo esperienza culturale e “Buon Vivere”. Proposta della Regione Toscana - Expo 2015. Percorso espositivo per immagini: il cibo raccontato nelle pagine di alcuni grandi scrittori, italiani e stranieri che furono protagonisti sui vari fronti della Prima Guerra Mondiale. Casa Museo Sigfrido Bartolini, visite su appuntamento, tutti i giorni ore 10-13 e 16-19.